Milan, Rodrigo Caio è il nome per la difesa

 

A Milano, sponda rossonera, si sono resi conto che la situazione in difesa è quanto meno complicata con sei gol presi nelle prime due giornate. Serve un difensore che possa dare ricambio al reparto arretrato e qualità al centro della linea a quattro schierata da Vincenzo Montella. A parte Alessio Romagnoli, vero e proprio intoccabile della squadra rossonera, c’è ancora tanto da lavorare sia con il neo acquisto Gustavo Gomez che con gli altri componenti. L’allenatore campano spera in un regalo last-minute per rimpolpare la difesa e il nome ideale per il presente e il futuro sembra poter essere quello di SAO PAULO, BRAZIL - AUGUST 13: Rodrigo Caio of Brazil stand for the national anthen before the match between Brazil and Colombia mens football quarter final at Arena Corinthians on August 13, 2016 in Sao Paulo, Brazil. (Photo by Alexandre Schneider/Getty Images)Rodrigo Caio, stopper brasiliano in forza al San Paolo appena laureatosi campione olimpico con la Nazionale verdeoro. Un calciatore classe ’93 che da quello che ha fatto vedere proprio nel torneo di Rio de Janeiro sembra avere le qualità del leader difensivo e anche ottime abilità tecniche, un giusto erede per alcuni connazionali attualmente più esperti come Thiago Silva o David Luiz. Adriano Galliani farà un altro tentativo per Rodrigo Caio, che ha da poco ottenuto il passaporto italiano e dunque comunitario. Il San Paolo lo valuta almeno 15 milioni di euro, cifra che a Milanello non credono di poter reperire. I rossoneri rilanceranno con il classico prestito ed obbligo di riscatto già stabilito, anche se sarà difficile che venga accettata dal club paulista proprietario del cartellino. Caio sarebbe in realtà molto attratto dall’idea di giocare presto in Italia, ma l’operazione potrebbe anche essere impostata per gennaio, quando secondo le previsioni dovrebbe arrivare il bonifico super della cordata cinese per un mercato di riparazione a cinque stelle.

Precedente Zanardi ti prego, stupiscimi ancora Successivo Top 20 dei colpi di mercato rimasti nella storia