La triste ed epica videostoria del Football Club København

Nel destino del Football Club København c’è scritto Inghilterra. La pallina del sorteggio della Champions League ha detto Leicester City, prossimo avversario di una squadra che vuole superare i gironi di Champions per la seconda volta nella sua breve storia.
I più informati, o i meno giovani, ricorderanno le sfide della Byens Hold Løverne (la squadra dei leoni della città) con Chelsea, Manchester United e Manchester City, ma anche gli incontri con le italiane. La storia europea dei danesi, infatti, è lunga e ricca di partite e gol memorabili. Per questo lo scoppiettante 4-0 rifilato al Club Brugge e l’eurogol di Delaney non possono che far parte di un’epica leggenda.

Boldklubben_1903.png      capture9-28-2016_52832_PM

 

La prima apparizione nella Coppa dei Campioni della squadra danese, però, è contro un’Italiana e risale alla stagione 1993-1994. Ad affrontarla negli ottavi di finale è il Milan di Fabio Capello. L’andata segna già la strada. Al Telia Parken finisce 6–0 con doppiette di Simone e Papin e i gol di Laudrup e Orlando. Milan che vincerà anche a San Siro con il gol di Papin.

Il vero battesimo europeo era arrivato due stagioni prima, quando il club si chiamava B1903. L’FC Copenaghen, spesso abbreviato in FCK, sorge infatti dall’unione del KB e del B1903, due delle migliori squadre danesi della storia. E’ la stagione 1991-1992 quando l’FCK viene eliminato ai quarti della Coppa Uefa dal Torino, che arriverà poi in finale, sconfitto dall’Ajax.

A Torino, non più Filadelfia, ma Juventus Stadium, i danesi torneranno nel 2013-2014, dopo aver conquistato il decimo campionato della loro breve storia, per affrontare i bianconeri nella fase a gironi della Champions League, insieme a Real Madrid e Galatasaray. gli unici punti arrivano proprio in casa. Vittoria contro i turchi e 1-1 con la squadra di Conte. Copenaghen avanti con il gol di Jorgenssen e Juve che raggiunge il pari solo nella ripresa con la rete di Quagliarella.

Due stagioni dopo i danesi torneranno ancora a Torino, questa volta al Comunale per sfidare il Toro di Ventura nei gironi della Uefa Europa League. 1-0 per i padroni di casa, che poi dilagheranno in Danimarca con la vittoria per 5-1.

Ma torniamo agli inglesi. Nel giorno dell’esonero di Sam Allardyce, ct a tempo di record della nazionale dei tre leoni, il Copenaghen sogna la sfida contro il Leicester City. Nel gruppo G la vittima sacrificale sembra essere proprio il Club Brugge, strapazzato ieri sera dai ragazzi di Ståle Solbakken.
L’allenatore norvegese ha guidato la squadra per 5 stagioni, dal 2006 dell’esordio in Champions fino al 2011. Poi, dopo una pausa di due stagioni è tornato a Copenaghen e ora vuole provare a stupire.
I lusitani del Porto sono sempre un pericolo, soprattutto tecnico, ma il Copenaghen per ora è secondo dietro solo alla squadra di Ranieri e vuole farsi trascinare dalla favola del dilly ding dilly dong. E gol come quello di Delaney aiutano a sognare…

In terra inglese è già stato fatto un colpaccio. Champions League 2006/2007. prima partecipazione per l’FCK che al Parken batte 1-0 i Red Devils di Rooney e Cristiano Ronaldo. Il gol decisivo è di Marcus Christian Allbäck.

Ricordi inglesi più dolorosi vengono dalla Coppa delle Coppe del 1998-1999, quando nella doppia sfida col Chelsea a castigare i danesi al secondo turno è un gol di Brian Laudrup, che regala in Danimarca il passaggio del turno ai Blues dopo l’1-1 di Stamford Bridge. Chelsea che i ragazzi di Solbakken incontreranno anche negli ottavi di finale della Champions 2010-2011, uscendo ancora una volta sconfitti.

La Coppa Uefa di dieci anni dopo vede invece la sfida con il Manchester City, anche questa risolta all’ultimo respiro. 2-2 al Parken (Onuoha e Ireland per i citizens, Ailton e Vingaard per l’FCK), mentre al City of Manchester finisce 2-1. Doppietta di Craig Bellamy e gol ancora di Vingaard.

Mission failed. Ancora una volta. Ma quella sottile linea di fortuna potrebbe arrivare quest’anno. E riproporre, dopo tante sconfitte, momenti come questo.

23 ottobre 1991, sedicesimi di finale di Coppa Uefa.
Bold Klubben 1903 – Bayern Monaco 6-2.

Forse, è solo una questione di nomi. Forse, è il triste epico destino del Football Club København.

 

 

I commenti sono chiusi.