I 10 migliori acquisti della Serie A 2016/17

Chiuso il mercato è tempo di bilanci. Da oggi per almeno due settimane si parlerà solo e soltanto dell’apporto che daranno i nuovi acquisti alla Serie A che viene. Noi de Il Fuorigioco abbiamo osservato tutti i movimenti di questa sessione e vi proponiamo la top 10 dei migliori acquisti (sulla carta) di questa estate. Sì, sulla carta perché il valore di un acquisto lo si potrà realmente osservare dopo gennaio e per questo nella lista non troverete alcuni nomi altisonanti di questa sessione, ma solo quelli che, sulla carta appunto, potrebbero essere più utili alle squadre in cui militano.

Iniziamo.

#10 – Mati Fernandez al Milan

Il Milan batte un solo colpo nell’ultima giornata, ma è di diritto il migliore della campagna acquisti. Il cileno prelevato dalla Fiorentina è un pretoriano di Montella nel reparto più importante del campano, il centrocampo. Avere un uomo che conosce già a memoria i dettami che impartisce l’allenatore arrivato quest’anno sulla panchina rossonera sarà d’aiuto ai compagni nei movimenti da effettuare. E visto quel che di buono ha mostrato il Milan in queste due prime giornate, Mati potrebbe tranquillamente prendere molto spazio sia in campo che nei cuori dei tifosi rossoneri, da sempre innamorati di giocatori di talento e dai piedi delicati.

#9 – Ciro Immobile alla Lazio

Salutato Miroslav Klose alla Lazio serviva un centravanti che non lo facesse rimpiangere ed ecco che dal Siviglia arriva Ciro Immobile. Il napoletano ha il physique du rôle ideale per sobbarcarsi il peso di un attacco, come quello biancocelsete, ora privo anche di Candreva. La sua assoluta mobilità e il suo sacrificio per la squadra saranno fondamentali per Simone Inzaghi nella lotta ad un posto per la prossima Europa League e in un contesto dove è l’unico terminale offensivo Immobile ha già dimostrato di essere l’ideale.

#8 – Dani Alves alla Juventus

No, non assunto alcun tipo di droga, ma il brasiliano arrivato dal Barcellona, in termini di utilità, è quello meno necessario fra gli acquisti ottimi della Juventus. Il brasiliano è sicuramente il miglior terzino destro al mondo, o perlomeno lo è stato a lungo, ma ora deve ambientarsi al 3-5-2 e i tempi potrebbero andare per le lunghe, sebbene arrivi in una squadra ben oleata come la Juventus di Allegri. Nel caso si dovesse passare alla difesa a 4 allora Dani Alves balzerebbe nella top 5 di questa classifica, ma per il momento rimaniamo cauti, lieti di essere smentiti.

#7 – Joe Hart al Torino

Romanticismo allo stato puro. Il capitano storico del Manchester City scaricato da Guardiola ha scelto una delle squadre con più storia in Italia per ripartire. A parte la poesia di questo trasferimento in prestito, ci sono anche delle motivazioni tecniche: al Torino serviva un portiere migliore di quanto non fosse Padelli (troppo discontinuo) e Hart, per quanto discontinua sia anche lui, è sicuramente un upgrade incisivo per una squadra che comunque si è mossa benissimo sul mercato estivo. Che poi Hart sia pressoché omofono di “Heart” e che l’incitamento storico del Toro sia “Forza vecchio CUORE granata” aggiunge soltanto poesia alla poesia pregressa.

hart

#6 – Thomas Vermaelen alla Roma

Con Rüdiger out fino alla fine dell’anno solare i giallorossi avevano bisogno di un difensore centrale da affiancare a Manolas e il belga proveniente dal Barcellona era sicuramente il meglio sulla piazza. Va bene, l’esordio con il Porto non è stato dei migliori e ha inciso e non poco sulla gara di ritorno, ma l’ex Arsenal e Barcellona è decisamente un upgrade sensibile rispetto alla scorsa stagione nella batteria arretrata e con Spalletti può tranquillamente tornare ai fasti dei Gunners e questo sarebbe molto utile ad una retroguardia che nella scorsa stagione si è dimostrata poco affidabile.

#5 – Antonio Candreva all’Inter

Nel 4-2-3-1 dell’Inter mancavano due giocatori la scorsa stagione: uno che dettasse i tempi in fase di costruzione (ci arriveremo a breve) e un esterno destro che potesse replicare quello che fa Perisic sulla fascia sinistra: ed ecco che a tale scopo arriva Antonio Candreva dalla Lazio. Lui e Perisic si candidano ad essere la coppia di esterni d’attacco più importante della Serie A, servirà solo e soltanto tempo affinché l’ex laziale possa ripetersi sui suoi livelli apprezzati anche in Nazionale.

#4 – Arkadiusz Milik al Napoli

Il polacco arriva al San Paolo con l’annoso onere di dover sostituire Gonzalo Higuain, ma si candida tranquillamente ad essere uno dei migliori acquisti di questa sessione. A Sarri piacciono gli attaccanti di manovra e che sappiano creare spazi per gli esterni e Milik ha tutte queste caratteristiche. Verosimilmente non ha in saccoccia lo stesso numero di reti di Higuain, ma con le sue capacità può aiutare tranquillamente Insigne, Callejon e Mertens ad aumentare il bottino personale in termini di reti ed assist. E questo non può essere un male per una squadra con delle spiccate doti offensive come il Napoli.

#3 – Ever Banega all’Inter

All’Inter mancava un esterno destro e lì è arrivato Candreva, per quello che riguarda il facitore di gioco in mezzo al campo è arrivato dal Siviglia Ever Banega. L’argentino arriva per completare l’undici titolare a disposizione di De Boer, ma bisogna subito togliere l’equivoco tattico che gira intorno al Tanguito: non è il nuovo Cambiasso, deve essere utilizzato sulla trequarti offensiva in grado di poter fare da raccordo fra le due zone del campo. Metterlo lì può rappresentare l’upgrade decisivo per la squadra milanese nella rincorsa al secondo posto, snaturarlo può significare aver dissipato un talento indiscutibile.

#2 – Gonzalo Higuiain alla Juventus

Ribadiamo: la redazione non è sotto l’effetto di droghe. Il Pipita è sicuramente il più caro degli acquisti estivi in Italia, ma questo non vuol dire che sarà il più utile. La Juventus aveva già il secondo attaccante più forte dello scorso campionato e l’arrivo di Higuain dal Napoli servirà più a indebolire i partenopei che a rafforzare la Juventus. Sicuramente mancava un attaccante di livello internazionale come Gonzalo Higuain, ma non sarà questo l’acquisto che darà lo sprint decisivo ai bianconeri nella corsa alla Champions

#1 – Miralem Pjanic alla Juventus

Eccolo qui l’acquisto fondamentale del campionato italiano e, nello specifico, della Juventus. Perso Pogba, andato allo United, e con Marchisio out fino a gennaio, la Juventus ha prelevato il terzo miglior centrocampista della Serie A e attorno a lui verrà costruita la mediana bianconera. Il bosniaco ha colpi di genio indiscutibili, sebbene si sia dimostrato discontinuo in questi anni, ma con la presenza di altri centrocampisti del calibro di Khedira, l’ex Lione verrà sgravato di molte pressioni e sarà più libero di creare gioco per le bocche da fuoco bianconere. Un signor acquisto che è arrivato per gli stessi soldi, più o meno, spesi dal Napoli per Maksimovic. Un segnale di forza della Juventus, un ulteriore, a questo campionato.

I commenti sono chiusi.